Sospendere o cessare l’attività di una struttura extralberghiera

a Roma

E’ possibile sospendere o cessare l’attività extralberghiera per il periodo emergenziale COVID

In applicazione dell’art. 15, comma 1 bis, del regolamento regionale n.8 del 2015 e ss.mm.ii. , è possibile comunicare la sospensione dell’attività ricettiva e/o la cessazione da parte del titolare o gestore con apposita nota al Suar, i periodi di chiusura temporanea o di sospensione dell’attività a carattere straordinario.

E’ possibile anche la riconversione temporanea degli immobili in locazione abitativa transitoria, a soddisfacimento di conduttori e locatori, applicabile qualora la stipula del contratto ricada in periodi di emergenze sanitarie (pandemie, epidemie, ecc.), cosi come previsto dall’accordo integrativo tra le organizzazioni della proprietà edilizia Confabitare, UnionCasa e Asso Casa Roma e Lazio. (Vedi la circolare Regione Lazio del 25 maggio 2020 prot. 455612).